the-post-copertina.jpg

Ecco il nuovo prodotto tanto chiaccherato di Steven Spielberg che vede protagonisti Maryl Streep e Tom Hanks.La pellicola riporta in auge una storia realmente accaduta coinvolgendo il mondo politico e giornalistico americano nei primi anni ‘70, ovvero la verità che si cela dietro la condotta di Henry Kissinger, consigliere per la sicurezza nazionale e segretario di stato e il Presidente degli Stati Uniti Richard Nixon per quanto concerne la guerra in Vietnam. Difatti nel 1973 vengono fatti circolare dall’analista Daniel Ellsberg i cosiddetti Pentagon Papers, i quaderni che svelano quanto il Presidente fosse consapevole che l’America avrebbe perso questa guerra e, nonostante ciò, avesse comunque fatto arruolare nuovi soldati mandandoli così al patibolo. I Quaderni del Pentagono, messi sotto chiave con timbro Top Secret, sono stati rilevati e messi a disposizione del New York Times e del Washington Post. ed è proprio il Post il vero protagonista di questo thriller politico, partendo da chi decise che la pubblicazione doveva avvenire a discapito della legalità o meno dell’atto, ovvero la Signora Kay Graham, la proprietaria del giornale, con la collaborazione viva e concreta del suo direttore, Ben Bradlee.

130805-katherine-graham-tease_wffhwu
I veri Ben Bradlee e Kay Graham

Lo spettatore si trova in prima linea, davanti al giornalismo che deve dire la verità. Il giornalismo che combatte per la libertà di stampa. Il giornalismo che scava dietro l’apparenza delle cose e dei fatti. Il giornalismo che scopre e non rivela le proprie fonti.

Ci si trova inoltre davanti alla storia della politica americana, o meglio, alla sua apparenza. La politica del complotto. La politica delle intercettazioni telefoniche.

2018-01-19_lif_37806342_I1.JPG
Tom Hanks (Ben Brandlee) e Meryl Streep (Kay Graham)

Che dire, inutile sottolineare la bravura nell’interpretazione della Streep con Hanks. Due attori magistrali che confermano ancora una volta il loro talento.

Musiche di John Williams, scritto e diretto da Steven Spielberg, Maryl Streep (Nomination per la Migliore attrice) e Tom Hanks. Insomma questa sembra essere una pellicola da Oscar, ma non ci metterei la mano sul fuoco poiché fra quelli in lizza come Miglior Film ne ho visti di migliori.

Lo consiglio agli appassionati del mondo del giornalismo, della politica americana contemporanea e a chi invece ha qualche lacuna in merito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.