My-Next-Guest-Needs-No-Introduction-999x562.jpg

Pensavate che il Sig. David Letterman fosse veramente andato in pensione?

Ebbene non è così, perché il 12 gennaio 2018 l’ex presentatore del “Late show” ha lanciato il suo nuovo talk (a cadenza mensile) su Netflix.

Il titolo “My next guest needs no intruduction” (“Il mio prossimo ospite non ha bisogno di presentazioni”) rispecchia la pura verità, poiché il suo primo invitato è stato l’ex Presidente degli Stati Uniti d’America, Barak Obama.

Ci troviamo davanti a un format differente dal precedente show di David Letterman: niente più scrivania, niente più orchestra o scenario panoramico di Manhattan alle spalle.

Solo un palco vuoto con due sedie e un pubblico numeroso in platea.

Questo a sottolineare l’intento dello programma, ovvero dare priorità a una buona conversazione con l’obiettivo di conoscere a fondo l’ospite, intraprendendo un dialogo puro e semplice, con quel 30% di ironia (sì in questo show scende il suo tasso) alla Letterman che non può mancare.

10502_03_0846

Obama racconta al suo interlocutore e agli spettatori la vita dal post-presidenza sino ad oggi, per poi tornare indietro e raccontare alcuni punti salienti del suo mandato, soffermandosi sull’evento di Edmund Pettus Bridge a Selma (Alabama), con intervista a John Lewis (leader del movimento per diritti civili afroamericani che partecipò alla Marcia su Washington per il lavoro e la libertà nel 1963). Inoltre non sono stati da meno anche alcuni aneddoti sul trasferimento nella nuova casa Obama e quello della figlia più grande, Malia, ad Harvard.

Insomma il nuovo show di Letterman è un programma differente dal precedente ma che sa come “arrivare al nocciolo” della questione del giorno, come raccontare una storia con leggerezza e, allo stesso tempo, trasmettere interesse in chi lo guarda e ascolta.

Mr. Letterman ha raggiunto il 90% di audience con questa prima puntata del suo nuovo talk.

Chissà a che percentuale si arriverà con i restanti cinque ospiti: George Clooney, Jay Z, Tina Fey, Howard Stern e l’attivista Malala Yousafzai.

Aspettiamo giugno per fare un bilancio più dettagliato sul successo o meno programma anche se ho buone sensazioni sulla sua riuscita.

Per chi è stato ed è ancora affezionato al “David Letterman Showsince 1993.

 

 

Annunci

1 commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.